martedì 21 febbraio 2012

la mia TORTA ALLO YOGURT



Ingredienti




Burro           120 gr
Zucchero   250 gr
Farina         200 gr
Maizena     150 gr
Lievito       per dolci 1 bustina
Limone ( o Arance) non trattato la buccia grattugiata di un frutto
Sale         1 pizzico
Uova           4 intere più 2 tuorli
Vanillina     1 bustina
Yogurt         bianco (o alla frutta) intero 250 ml 






Preparazione 



Tagliare il burro a dadini e lasciare ammorbidire fuori dal frigo.
Separare i tuorli dagli albumi. Sbattere i 4 albumi a neve con il pizzico di sale e aggiungere metà dello zucchero.
Con lo sbattitore elettrico sbattere con le fruste l'altra metà dell zucchero e la vanillina aggiunto al burro. Deve diventare una crema soffice. Mano a mano aggiungere i sei tuorli, sempre continuando a sbattere con le fruste.
Dopodiché, aggiungere lo yogurt( a me piace variare dal normalissimo yogurt bianco a quello alla frutta, che lascia un leggero profumo alla torta) e la scorza grattugiata dell'agrume. Oggi non l'ho messa, in quanto non avevo  limoni nè arance NON trattate e ho preferito non aggiungere nulla per ovvi motivi. Unire al composto le chiare sbattute a neve  precedentemente con lo zucchero con delicatezza. Con la solita delicatezza aggiungere la farina, la maizena e il lievito che sono stati mischiati e setacciati precedentemente. 













Invece di imburrare e infarinare il fondo, io taglio un pezzo di carta da forno che sistemo nella mia tortiera.  Versare il composto e livellarlo nella tortiera



Infornare in forno caldo ( 180°) per circa mezz'ora.




















Lasciare raffreddare e cospargere con lo zucchero a velo. 




Dolce semplicissimo, veloce e molto buono.
Può essere farcito come si desidera.


Buon appetito!




8 commenti:

  1. Risposte
    1. noi l'abbiamo appena mangiata : una bontà!!!

      Elimina
  2. mia madre proverà a farlo!

    RispondiElimina
  3. Prometto di provarci...ma sono negata a fare dolci! Pensa che lo scorso fine settimana mi sono lanciata con la torta de fregolotti (basica!) per la quasi morosa ;-) uno schifo!!! La coraggiosa morosa l'ha mangiata e dopo poco ho scoperto che ha lavorato con un pasticcere inglese per quattro mesi.......quanto meno mio figlio non dirà mai la fatidica frase: Quello che cucinava mia madre! ;-)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahhahahahahahahahaha Beh....sono contenta che io non sia la sola a far figuracce!
      sono certa che se non sia eccellere nel far dolci, saprai stupire la quasi morosa e chicchessia senza batter ciglio su altri fronti!

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina