domenica 31 luglio 2011

SONO COSTRETTA A RIFARLO: Lascia che io senta la tua mancanza ( ovvero frasi e pensieri raccolti qui e la nel mese di luglio)

Amarsi il doppio

togliere il tappo e lasciarsi andare, liberi

facciamo che siamo quelli che siamo

non posso essere sempre così preoccupata

Prendere la felicità e non lasciarla piú andare :questo non è egoismo, è un debito da saldare! Nei propri confronti.

questo è perfetto, quello è perfetto, se togli il perfetto dal perfetto, rimane il perfetto.

Porto Dio dentro di me,sciagurata, e non lo so!

"la chiamo sorellanza, perchè ha dei valori aggiunti rispetto alla fratellanza. quei tipici magici collegamenti eterei che solo la strega che è nascosta in noi sa cogliere. benché anche la fratellanza abbia i suoi buoni perchè, mi piace più la sorellanza. perchè arriva proprio quando uno non se l'aspetta con una frase, un commento, un invito, un cenno. e regala spunti per accrescere la nostra mente che si eleva grazie al nostro cuore ( DIO MIO QUANTO SONO ISPIRATA, devo controllare la marca del caffè, perchè mi par strano essere così profonda!)"

"noi sappiamo cogliere in un soffio d'aria che quella sarà un momento magico o terribile. lo sappiamo cogliere in uno sguardo, in una piega del viso, lo sappiamo prima. lo sappiamo fin da quando nel dormiveglia mattutino sentiamo il proprio respiro che cammina lento. lo sappiamo da sempre."

Mandami amore e luce ogni volta che mi pensi e poi dimentica

Imbarcarmi : andare dall ' altra parte. (Ovvero perdersi e poi ritrovarsi)

Lascia che io senta la tua mancanza

io sono quel puntino rosso, lo so! potrei sembrare di peccare di presunzione, di essere troppo sicura, ma è tutta la vita che sogno , che spero di essere un valore aggiunto per chi mi conosce, e ora, solo ora, comincio a crederci. A pensare che ce l'ho quel fuoco sacro, che posso fare la differenza, che posso dare un valore aggiunto a quello che faccio e alle persone che incontro. sentirmi un puntino rosso in mezzo a tutto .

"invece che solo un sottofondo fa che sia la musica della tua vita....un bacio ti voglio bene. L."

il vuoto sotto i passi miei sei..
sei come le montagne russe per me...

la felicità esiste e io la troverò

il tuo giardino è sfiorito, ma non è finito
è solo in attesa di una nuova fioritura

"...Vorrei essere invisibile, entrarti come il vino
girarti nella bocca, scenderti per la gola
sentire se sul tuo cuore, batte il mio destino" ( G.Giusto)

Pensa 40 e fai 50!

Le rose del MIO GIARDINO

Oggi , dopo avere consegnato la figliola ai capi scuot, ho incontrato una persona speciale
Non posso parlare troppo di lei, la conosco appena, ma il poco che so e le mie antenne stregate mi dicono che è una "OKKEY"! lo è sul serio, quando sorride si illumina, quando parla la sua dolce voce è una melodia. Lei non ci crede molto. Purtroppo.
Lei è come il suo giardino, ha avuto delle splendide fioriture, magnifiche, sul serio. Ma ora è in una fase di transizione: sta aspettando una nuova fioritura, che arriverà, io ne sono certa!
perchè di queste fioriture io ne ho conosciute e sono stata pure io un meraviglioso giardino fiorito.
E io so che, un giorno ti svegli, in una specie di resurrezione, a dire il vero, e ti senti splendida, luminosa, attrai cose meravigliose. E diventi come il sole! Irradi così tanta, speciale luce che nessuno rimane indifferente! E lei ritornerà a splendere di questa luce, presto.
Però per avere questa luce, bisogna ,purtroppo, conoscere le tenebre, è necessario, anche se si vorrebbe non vederlo mai quel buio doloroso. A prescindere dal modo con il quale incontriamo il buio, questo lascia inevitabilmente qualche segno. A volte sono piccoli, insignificanti, che non fanno fastidio mai, che se li noti ci fai anche un gran sorriso.
Altre volte sono CICATRICI enormi! Deturpano l'anima, il cuore, lo sguardo, la pelle, i capelli.
Ecco io parlo di questo tipo ci segno.
Oggi ne ho avuto la prova.
La Cicatrice è un segno, ok, magari è pure bruttina da vedere, ma non sanguina più, al massimo prude un pò, pizzica, quando la sfiori con le dita hai un senso di formicolio. Non è sbagliato dire che ci fai il callo, a quel segno sul tuo corpo, che in un certo modo ti affezioni, che fa parte di te, che grazie a quella cicatrice se diventata QUELLA CHE SEI.
Ma quando la cicatrice è nell'anima, questa non la vedi , non la senti, te la dimentichi. Salvo poi trovartela davanti di colpo.
Basta un suono, un luogo, un nome, una qualsiasi associazione accidentale e quel tipo di cicatrice comincia a fare male. Come un terremoto, ti sconquassa l'anima, il cuore e la testa.
Come una tempesta distrugge il tuo lavoro, rovina i fiori , strappa le foglie del tuo meraviglioso giardino.
Ecco, io oggi ho sentito questo terremoto. Non è forte, non provoca danni evidentissimi, niente tsunami, niente vittime. IL mio giardino è stato colpito da un brutto temporale estivo.
Lo sconquasso, il maltempo è capace di rabbuiare il sole di mezzogiorno all'equatore.
Lo so, passa. Torna sempre il sereno dopo un brutto e antipatico temporale estivo. Il mio giardino fiorito è rimasto un pò ammaccato, ma domani,dopodomani, ogni giorno a venire, ne sono certa, ogni fiore, ogni rosa tornerà a guardare il cielo e farsi baciare dal sole!
Ma ora mi sento orribile. Come le immagini di campagne colpite dalla grandine. Fisicamente, caratterialmente. O meglio , mi sento talmente insicura che credo proprio di sembrare un cesso, enorme...
Mi sento a disagio con me stessa.
Non mi piaccio proprio. Ma se nei periodi di fioritura questo non è molto importante, nei periodi bui lo è eccome.
Oggi sono passata in un luogo, che mi ricorda una orribile cosa.
LA MIA CICATRICE per eccellenza!
Cercavo tra la gente qualcosa che mi facesse sentire meglio, mi distraesse. Mi dicesse:"ok , ragazza, non sei una gazzella, ma sei splendida ugualmente!" . Un pò come Fiona , l'orchetta dolcissima di Shreck ! Sarà grassottella e verde, ma ha una luce splendida, e per il suo amato lei è il sole, l'aria fresca, la ragione per cui è bello svegliarsi la mattina.
Io sono così, lo so! Splendo. Emano luce. Perchè molto spesso mi viene fatto notare. Come dall'AMICA di cui narravo prima. E da MILLE altre persone , a cui sono grata.
Ma non dall'orco di mio marito, che ha provocato quel buio. Se mi avesse pugnalato, quel giorno, forse avrei sentito meno male.
L'abbiamo superata. Ora stiamo bene. VERAMENTE BENE.
Ma quella cicatrice, torna a galla... e mi rabbuio. Ho bisogno di riordinare i pezzi, metterli in sequenza, ricordare le cose belle e buone, per potermi sentire FIONA, grassottella e verde, ma tanto amata dal suo orco verde.
La cicatrice resta, la vedo. La sento. Fa parte di me. Grazie a lei sono diventata quella che sono. Molto spesso si nasconde dietro quella magnificenza di fioritura che IO sono! Ora quel terremoto, quel temporalaccio l'ha scoperta. Ma domani, dopo che sarò riuscita a mettere a posto il mio giardino, domani, l'avrò scordata. DI NUOVO!
E ammetto che ogni volta che torna in superficie, è sempre meno fastidiosa.Fa parte sempre più della struttura portante del mio giardino. A chi non sa, pare una roccia. Sono solo io a SAPERE.
Devo solo mandare via i brutti pensieri. Voglio estirparli, buttarli nel compost, con cui concimerò a primavera il mio giardino. Perchè questi pensieri , sono importanti, non li devo negare, li posso convogliare in modo che facciano del bene.Un lavoro continuo, costante. Devo diserbare i pensieri cattivi dal mio giardino. Perchè le mie rose possano fiorire magnifiche a ancora!
E desidero che siano irradiate dalla mia luce in ogni dove, come il sole penetra con i suoi raggi l'acqua con cui le annaffierò.





sabato 30 luglio 2011

tre uomini e una stampa

alzarsi alla 4.10 è già di per se dura
se poi hai chiuso gli occhi verso la mezzanotte, e la notte prima verso le due e ti sei alzato alle 6.30, potete immaginare quanto possa essere dura!
meno male che non è freddo, meno male che non piove, anche se sono giorni che par che Dio si sia scordato di mettere l'orologio su BEL TEMPO-ESTATE e lo abbia lasciato su PIOGGIA BATTENTE-AUTUNNO ( avrà altro da fare, mi sono anche detta, ma che ci vuole girare quella manopolina e metterla al posto giusto?)
comunque, si va a prendere il furgone, si corre a prendere gli altri due, che assonnati e mugugnanti salgono sul mezzo.
si dirigono verso il luogo di destinazione
in mezzo a quella meraviglia della natura che son le Dolomiti, vicino al lago di Carezza, che già di per se , il nome evoca scenari bellissimi. Quali, altrimenti?
Una carezza di aria fresca, limpida, salubre; incartata da un abbraccio di bosco umido, verde come l'età migliore, ricco di vita;impacchettata da un sorriso di cieli immensi , azzurri, che raccontano storie lontane; e infiocchettata da occhi d'acqua cristallina e da rocce spettacolari che mutano ad ogni ora della giornata, che nascondono leggende meravigliose.
ecco cosa è andato a fare oggi mio marito
a mettere su una stampa delle magiche Dolomiti, insieme a 2 collaboratori.
io lo stuzzico con messaggi INEQUIVOCABILI su cosa gli avrei fatto , se , invece di andare con i 2 baldi uomini, fosse rimasto con me.
è un bel gioco, mi diverte, lo immagino avere quel brivido che corre nelle vene, e lo sguardo che si perde nel vuoto. per un nano secondo, poi ricomincia a lavorare
ma l'umore migliora, ne sono certa.
e il botta e risposta osé continua, mentre arriva la foto della stampa
come prova del "duro lavoro" fatto.

E io scherzo, ma con un sottofondo di verità, dicendo che lui è con l'amante.
In effetti , spesso, troppo spesso, il lavoro lo ha portato lontano, non fisicamente, ma con il cuore e la mente.
Dico anche , che con assoluta certezza un'altra donna lo avrebbe piantato, per quanta fatica mi ha richiesto stargli vicino
ma il mio trasporto è sempre alto, e qui mi dico che qualcosa di strano lo devo avere, sul serio...
e poi arriva l'altra foto
quella che prova che il mio sospetto che lui ha l'amamte, si è verificato non più un sospetto, ma una realtà.
e capite quanto sia il mio scombussolamento.
ora vi mostro la foto:

Eccolo!!! capite?????
quanto è bello lavorare così?
lo auguro a tutti: trovare alla fine , qualcosa per cui ridere, su cui contare per rendere leggera la sveglia prima dell'alba.
e mi piace pensare che un pochino di buon umore gliel'ho donato io con quei messaggini.
Quei messaggini stupidotti, se volete, ma importanti!
Mi piace pensare di avere punzecchiato mio marito
di averlo eccitato con le mie proposte indecenti e lascive
di avergli reso meno pesante il lavorare di sabato mattina
ora non mi resta che mantenere la promessa fattagli...
ma prima devo avere la casa libera
mi sento come un adolescente che aspetta che i genitori se ne vadano al cinema o a cena con amici, per poter invitare l'amore della sua vita e combinarci qualcosa
vivere in 6 in pochi metri quadrati, non aiuta la privacy
Non abbiamo molte occasioni, per noi due, per avere qualche momento privato
come era un tempo, quando i figli erano più piccoli e andavano a letto presto...
ma come è bella la vita!

venerdì 29 luglio 2011

cielo sereno, finalmente

Scoprirmi dar consigli, mi stupisce.
non perchè non sappia di "sapere qualcosa".
piuttosto è rendersi conto che quello che dici a qualcuno per rincuorarlo, sono certezze che hai nel profondo ma che non hai ancora definito.
come se non avessero ancora un nome
e mi sono sorpresa quando , con facilità disarmante, trovo le parole.
metto in ordine corretto le parole e formo una frase di senso compiuto che incoraggia per prima la sottoscritta oltre a chi ascolta o legge.
e vengo presa da un calore piacevole, da un'accettazione personale, di ogni mio piccolo difetto, di ogni enorme difetto, e ogni cellula si colma di quella serenità divina, di quella certezza che quello che dici non sono frasi fatte, ma VERITÀ assolute!
ed è come se cominciassi a respirare aria pura, aria frizzante di montagna, dopo che hai passato un mese intero in una città inquinatissima.
senti subito il beneficio, è quasi doloroso, pizzica un pochino.
ma , solo Dio lo sa, quanto bene stai dopo
quanta voglia , di scrivere, di dirlo al mondo...
ecco mi sono sentita così poco fa.
una persona,di cui senza troppe parole, intuisci che bene non sta.
e poi metto in ordine corretto una fila di parole.
ma non suonano a vuoto.
anzi
sono musica, dolce, serena, musica che si insinua nell'anima
note melodiose che regalano un sorriso e un speranza
come il cielo sereno, dopo tanti giorni di pioggia.
calde come una serata tra amici, con tante risate.
magari mi trovate un pò pesante in questi giorni, ma non è che si è sempre al massimo.
la mia vita è una specie di montagna russa.
su e giù
e loop
e giri della morte
emozioni forti, fortissime, di paura, che magicamente evolvono in qualcosa di esilarante.
e così scoprire che la soluzione per la felicità è a portata di mano
è meraviglioso
è come vedere le stelle cadenti!
sai che sono degli orribili sassi che finiscono la propria esistenza entrando a contatto con l'atmosfera
ma sono splendide!
e il desiderio lo esprimi lo stesso!
e ci speri
e ci credi
o meglio, io ci credo
e a quanto pare , stasera ci saranno le stelle cadenti
e il cielo è sereno stasera

giovedì 28 luglio 2011

il sottofondo musicale, diventi una colonna sonora!

è sbagliato volere di più?
la risposta è scontata: dipende dal contesto!
ma, vi chiedo, è sbagliato PRETENDERE di avere il proprio posto, quanto meno non vederselo soffiare o occupare da clandestini inopportuni o da personaggi qualificati?
oggi ho avuto modo di osservare e riflettere (nuovamente) sulla vita di una persona a me vicina.
mi ha amareggiato molto, rattristato.
mi sono rabbuiata.
ma è sempre merito nostro, o colpa nostra, per le scelte che abbiamo fatto e di conseguenza accettare le opportune ripercussioni.
dalla analisi della vita altrui, sono subito passata alla mia, egocentrica , come sono.
e mi ritrovo impaziente. Quanto meno, impaziente.
il mio spazio, il mio tempo, arriva sempre dopo qualcosa o qualcuno, di veramente ineluttabile. non lo posso negare che quella precisa cosa, persona o fatto siano in quel preciso momento e contesto più importanti di me.
ma per taluni, i più, a dire il vero, si sbaglia a negarci il nostro momento, anche a discapito di altro o altri.
questa frase, "invece che solo un sottofondo fa che sia la musica della tua vita" me l'ha detta una mia amica, leggendomi in questo blog, ieri sera. lusingata e estasiata, mi sono addormentata pensandoci. e per tutto il giorno mi ronza in testa.
non mi da tregua.
ci penso
ci spero
ci costruisco scenari divertenti e piacevolissimi di riscatto personale.
e mi chiedo quel'è la misura.
fino a dove posso spingermi
e poi cosa pretendere dal proprio compagno, dal lavoro, dal contesto sociale in cui vivo
qual'è l'esatto confine oltre il quale si diventa egoisti e individualisti.
oppure quando è che diventi la classica donna vittima della situazione, schiava di mariti, figli e lavoro, annullata dentro quel maledetto girone depravato di annullamento totale?
quand'è che ti sei guadagnata la giusta dimensione di appagamento e serenità?
io vorrei fare una colonna sonora da cantare e ballare, da vivere sul serio
non un semplice sottofondo della mia vita,
questo lo trovate sbagliato?
e questo modo di vivere e pensare la propria vita darà i giusti input ai mie figli?
il giusto rispetto e amore per se stessi, e per gli altri?
sarà questo il giusto modo di educare o è più corretto l'annullamento totale, la devozione, la dedizione totale, come una missione, la rinuncia totale, quasi monacale, è la via giusta per fare il proprio dovere di genitori?
io , in verità, ho scelto. o meglio ogni mia cellula mi dice che io posso e devo esigere la mia colonna sonora! quella da ballare e danzare.
spero di non sbagliare
ma ora è arrivato il mio momento
sul serio, perchè l'ho detto spesse volte, ma questa volta voglio scrivere e sentire quella musica sul serio
ci metterò molto tempo, oppure poco, ci vorrà dedizione e volontà
ma ci riuscirò
magari fallirò qualche volta, e correrò a tuffarmi nella nutella piagnucolando, mi concederò anche questo.
perchè solo Dio ( chiamatelo come volete, ma io lo chiamo così) è perfetto, e io so che un pò di Lui è in me, quindi posso scrivere una colonna sonora degna di essere cantata e ballata.
con tutti quelli che amo

mercoledì 27 luglio 2011

andiamo a fare PILATES? ma anche NO!

io e lo YOGA non andiamo d'accordo
mi sono iscritta a un paio , forse tre corsi, due dei quali erano organizzati dal nostro gruppo, ma
mi hanno "sgridato " più volte dicendomi chiaramente di tacere, di stare zitta, di non ridere, di non salutare nemmeno gli astanti, che devo partire da casa in rigoroso silenzio e cominciare a concentrarmi alla pratica dello yoga.
ho capito che ci sono attività che non fanno per me, lo YOGA in primis
A me non puoi togliere il sorriso, il saluto, il ciao che bello vederti...ma dai pure tu qui! e via discorrendo
no no no
per stare bene, devo sentirmi accettata con le mie gaffe, con le mie battute, con le mie chiacchiere ( noiose magari) o le mie considerazioni a voce alta,
NO non si può!
ammetto che ai corsi pre-parto( come sapete ho 4 figli, e per ognuno ho fatto un corso ,proprio perchè erano momenti rilassanti e ricordo con immutato affetto l'ostetrica che li teneva) ho apprezzato molto ciò che mi veniva detto, che erano le basi della respirazione e del rilassamento che insegnano ai corsi di Yoga.
ammetto che li ho apprezzati e che ne ho goduto i benefici
e ho capito che non posso che essere incinta, e quindi in una fase assolutamente idilliaca, per apprezzare quella tecnica
ma quando mi hanno detto che c'era un corso di pilates in riva al lago, ho voluto provare!!!
la mia amica aveva pagato in anticipo
non tanto, per fortuna...
perchè è risultato NOIOSISSIMOOOOO
e l'insegnante, che per ricordare quello che doveva dire continua a dire EHNM
"ascoltate ehmmmm, il vostro....ehmmmm respiro....ehmmmm girate ehmmmm soffiando fuori ehmmmm l'aria"
uno straziooo
ve lo garantisco
io chiudevo gli occhi per non guardare la mia amica
perchè i suoi pensieri erano tangibili , erano scritti a lettere di fuoco nell'aria freschissima ( visto che pare autunno e non Luglio)
l'idea è quella che ho descritto sopra
noia
non sapevamo esattamente cose consiste il pilates, immaginavamo una sorta di ginnastica aerobica, un pò più dolce a dire il vero
quindi siamo partite, con tanto di tappetini, asciugamani ( se fosse caldo un bagno al lago non me lo toglie nessuno)tute da ginnastica, lei strafiga e io stragoffa, ma chi se ne frega: è notte !!!
ci sistemiamo sul prato, ( giuro l'ambientazione è bellissima, varrebbe la pena solo per questo iscriversi al corso di pilates, se non fosse che ci sono 10 gradi e non 25 come di consueto)
cominciamo
e io sbuffo annoiata dopo 15 secondi netti
incrocio il suo sguardo
i suoi occhi erano assolutamente eloquenti: " ma cos'è sta roba? ma si può balbettare così? ma che cosa ci vuole insegnare questa con i suoi ehmmmm ? che schifo, pensavo di venire qui a stancarmi, a togliermi le tensione della giornata, e invece mi sto caricando di nervoso perchè ho già pagato e penso che non riuscirò a farmeli ridare i soldi" e via dicendo
e se non fosse per l'educazione ferrea che mi ha dato mia madre, sarei scoppiata a ridere
mi impongo un minimo di contegno e soprattutto di portare a conclusione almeno questa unica lezione
ecco abbiamo capito che il pilates è un'altra, l'ennesima a dire il vero per me, attività sportiva da cancellare, almeno per ora, dalle possibilità di fare un pò di sport!
devo ancora trovarla l'attività che fa per me...
o meglio ce l'ho in mente, è lì che attende che io agisca...
chissà, prima o poi, riuscirò a mettere in pratica certe cose, mi dico
prima di concludere il mio tempo, intendo...

martedì 26 luglio 2011

fisiatra del mio cuore , che mani meravigliose hai!

tre mesi di attesa
pensavo di trovarmi davanti un mediconzolo vecchio e insapore
e mi sbagliavo!!!!
il medico strafigo, oggi mi ha cazziato dicendo cose ( per altro ovvie) del tipo : "prenditi il tempo per te stessa, fregatene di figli e mariti, amiche e altre stronzate del genere! Sei a metà del tuo cammino ( oddio mi parevo già da buttare, invece sono solo a metà,che fatica) è ora che tu pensi a te stessa"
mentre le sue mani volavano sulla mia schiena, sulla mai chiappa, sul fianco.
Mentre mi sono ricordata che avrei dovuto depilarmi,almeno, che la pancia non me la toglie nessuno e nemmeno la cellulite
mi ha detto tutta uan serie di cose giustissime, e intriganti e porcamiseria,quanto sono vere
... mi sono innamorata! ecco...
ci torno martedì
non vedo l'ora...

quindici

Quindici anni
Nascevi ridendo, com grandi occhi curiosi e capelli scurissimi e lunghi.
un raggio di Sole! Ecco come ti ho sempre definita.vedo in te tante mirabolanti e uniche possibilità. Le vedo e urlo di rabbia nel vedere che le sprechi , che ti attacchi come una cozza a chiunque ti degni di un cenno.
ti auguro di trovare il tuo destino al più presto e di essere serena e proiettata nella tua vita

lunedì 25 luglio 2011

fulmini a ciel sereno( o quasi)

mah... un pò di paranoia
o forse la luna che sta uscendo del mio trigono( ecccheneso io cos'è esattamente avere o non avere la luna in trigono , però lo dico e basta)
o forse il tempo
o quel maledetto sogno che mi sta lavorando in testa
leggi un post di qualcuno e pensi "oddio, calza a pennello a me...!"
e comincio a dubitare
di me
di loro
di tutto
uffa che merda di pensieri
faccio una cosa, penso di farla bene, invece mi accorgo che sono una formichina, ma proprio INA INA
ok, vado a fare altro...magari mi passano 'sti pensieri negativi...
e se anche fosse vero???? domani mi passa e se non passa, passa di qua
suvvia...

sabato 23 luglio 2011

svegliarsi tardi

evviva
ce l'ho fatta
mi sono svegliata alle 10.04
e meglio alle 05.05 ero sveglia e incazzata
ma poi ho gigionato su feissbuk e guardato l'alba , che non ho visto causa nuvole grigio acido
e mi sono riaddormentata
ho dormito arando il letto, un pò su , un pò giù, un pò di traverso
mi ha svegliato mio marito, con al sua telefonata " Ho preso una multa"
va beh, robe che succedono ( non posso mica adirarmi con lui, dopo che mi hanno rapito l'auto parcheggiata in zona rimozione, no??)
ho fatto colazione tardissimo, tipo un pranzo, direi...a mò di Brunch, che fa tanto tanto chic
poi ho guardato per la decima volta Transformer
il secondo episodio, quello dove combattono ai piedi delle piramidi, dove la tipina strafiga ha i pantaloni bianchi, ho pianto di gioia quando ho notato che se li era sporcati, perchè è risaputo che nei film è tutto perfetto, e ricordavo i suoi splendidi pantaloni bianchissimi in mezzo alla durissima battaglia.
meno male che mi sbagliavo
è stato bello guardare il film in mutande sul divano, insieme alla mia famiglia
e con un pizzico di rabbia constatare che mio marito mi piace
come è possibile trovarlo bello, ancora adesso?
purtroppo lui non mi dice mai nè in positivo, e nemmeno in negativo il suo giudizio sul mio aspetto o le emozioni che provoco
il mio pessimismo mi dice che non gli piaccio più, ma in questi giorni il mio positivismo è super alimentato, quindi oso sperare che anche lui, in qualche raro momento guardandomi, ritrovi in uno sguardo o in un sorriso quella fiammella.
ma non è di questo che volevo parlare, magari farò un altro capitolo: un pò di considerazioni sulla mia vita di coppia, anche se spesso scrivendo o parlando o solo pensando la mia vita di coppia è l'unico argomento che mi riempie la testa.
oggi voglio ricordare che ho dormito a lungo
oggi voglio ricordare che ieir sono stata la MART a vedere gli impressionisti
e mi sono emozionata davanti a questo

e poi davanti a questo ho riso, pensando quanto somiglio a loro, donne ozianti e morbidose:

e quante riflessioni e quante risate con il mio amico Ivan su questo

perchè in fin dei conti, siamo"sciocchini e superficialotti"

ma quanto è vero che questi personaggi abbiano cambiato la visione delle cose
quanto è vero che Monet usava la luce per fare e disfare le cose e le realizzava nuove e eteree come la Cattedrale di Rouen

una meraviglia! imparare a vedere le cose con occhi nuovi
accettare e disfare e poi rifarle
arrivare a emozionarsi davanti a qualcosa di talmente rivoluzionario, e rendersi conto che tutta la propria esistenza ha ragione di esserci per vedere tutto questo.
E vederlo con buoni amici, e andare a mangiare la pizza con questi buoni amici
e poi tornare a casa e andare a dormire e dormire fino a tardi
insomma che bello, dormire fino alle 10 del sabato mattina
e fregarsene di tutto!
stupendo!!!
ah si...non ci sono paragoni, dopo che per tanto tempo ci si sveglia alle 02.30 oppure ben che vada alle 05.15 e per il resto della notte giri e rigiri nel letto
che meraviglia.
capite come cambia l'umore e la visione del mondo? del mio mondo, per lo meno?
mi sento come Monet, che con i pennelli disfa e ricompone la visione delle cose
e mi sento immensamente innovativa
eh già...immensamente innovativa

giovedì 21 luglio 2011

bene, ottimo direi

l'ho appena scoperto, tra i blog divertenti, quelli che sento più a immagine mia
bello
simpatico
stimolante
intelligente
sensibile
suona la grancassa eppure lo fa in silenzio
mica paglia
il mio parrucchiere lo amerebbe subito
credo anche il mio barista preferito

posso ringraziare perchè ho la fortuna di avere ottimi amici
amici veri verissimi
e amici un pochino lontani
ma che sento veri come pochi?
beh, non resto ad aspettare la vostra risposta
e lo faccio
ringrazio
e colgo ogni possibilità
oggi è una giornata meravigliosa
forse la cacca di cane che ho pestato l'altro ieri ha effetto ritardante...
chissà

insomma sono trentina e in trentino ci sono bellissime persone e una parte di loro mi onora della sua amicizia

la gatta sul tetto che scotta

è un altra giornata irripetibile
il cielo è talmente azzurro da togliere il fiato
l'aria è frizzantissima, non pare nemmeno sia luglio, piuttosto settembre a scuole già iniziate
il verde è talmente brillante che il sole pare quasi in secondo piano


e io sono salita sul tetto, mi sono seduta, come fossi un'adolescente
ho preso il sole
ho ammirato la bellezza del creato
mi sono riempita gli occhi di luce
di blu
di verde
le orecchie dei suoni leggiadri di uccellini canterini, di risate di figlie gioiose
di buona radio
e mi sono sentita come la gatta sul tetto che scotta
mi sono scaldata
di un calore benedetto


e poi ho avuto il coraggio di dare il link del mio blog a una mia amica
ch emi ha detto
fallo
e io comincio a pensare che possa essere una possibilità sul serio
magari....

comincio a crederci
ne ho di fantasia
e di aneddoti da raccontare
mi dico

come ieri sera
ammiravo il cielo con mia figlia, con quel magico marchingegno del nuovo cellulare
che puntandolo al cielo, disegna le costellazioni, nomina stelle e pianeti e pure Hubble
se lo punti verso il terreno puoi trovare il sole e il cielo dall'altra parte del mondo, una cosa fantastica e sognante...
abbiamo visto Giove, Marte,Saturno e la stella polare,e l'orsa minore e quella maggiore e mentre continuavamo ammirare a comparare le informazioni del cielo
ECCOLA!!!!! una meravigliosa , piccola , luminosa, velocissima STELLA CADENTE!
che meraviglia! e subito abbiamo espresso un desiderio, lei a voce alta "VOGLIO UNA CASA NUOVA"
io silenziosamente
e speri, scioccamente forse, che il desiderio possa avverarsi
e abbiamo sorriso e poi era così freddo,siamo corse in casa, e devi ancora chiacchierare, ridere raccontare...fino a quando le palpebre scendono inesorabilmente e il respiro si fa regolare...
e ricordi quella stella cadente di tanti anni fa
quella che abbiamo visto insieme
e insieme abbiamo espresso il desiderio
lo stesso, lo so per certo, senza vere però le prove
è stata quella stella
è stato quel desiderio
ne sono certa
a darmi quel coraggio di tenere botta a una cosa talmente dolorosa
e oggi godere del fatto di addormentarsi abbracciati, dopo tanti anni
e ringrazio
e ringrazio ancora
e ancora
e mi riempio gli occhi di tanta bellezza
e il respiro si fa regolare
il mio cuore batte lento
e mi riempio , letteralmente , ogni cellula di queste magnificenze

sembrerò esagerata, ma sono certa che sappiate cosa intendo dire
è come quando ti succede una cosa pazzesca, un incidente d'auto dal quale ne esci illesa, mentre il mezzo è distrutto, ne esci leggera, e ti senti benedetta
ecco come mi sento: leggera e benedetta
ho ricevuto una grazia immensa
e la sto onorando
la onoro come posso,ma con grande solennità
e inondo la mia famiglia di questa benedizione

mercoledì 20 luglio 2011

pestare una cacca di cane e essere convinta che sarà una giornata MER(D)avigliosa

Ehm senti questa :
uscire di casa e pestare una cacca di cane.
Non accorgersene e salire in auto.
percorrere 20 metri.
SENTIRE l'odore.
fermarsi.
pulire le ballerine nuove e ovunque possano aver toccato con le salviette umidificate.(Per fortuna le ho,di solito non ho nemmeno i fazzoletti di carta: sai quanto sono "ben " organizzata)
Andare verso la cittá.
Trovare traffico.
Impossibile trovare parcheggio : la fila a castel mareccio è eloquente.
Non lo faccio mai,ma stavolta rischio! Tanto ho pestato una merda di cane e questo porta fortuna, mi dico!
Parcheggio in divieto di sosta .
Vado dalla psicologa che tra una risata e una cazziata ,si prende 70€.
Esco sicura di avere tutto in pugno! Sono bravissima.
Mi dirigo verso l'auto.
non c'è più.
Me l'hanno portata via.... ho chiamato l 'amica alla quale ieri è successo la stessa cosa.
Le dico : mi aiuti? Ho combinato un casino e non voglio chiedere a mio marito.
ridiamo.
oggi a me, ieri a lei.
Puttanazza di una merda di cane.
Non doveva andare tutto dritto oggi??? Poi andiamo a prendere l'auto è costato 90€ + 39 di multa più il pranzo fuori per aspettare l'apertura dell'ufficio

lunedì 18 luglio 2011

quadrifoglio

Guardo distrattamente il terreno del parcogiochi.
Ho voglia di andarmene, riconosco che nessuno ha colpa, ma mi sento fuori da quegli schemi.
quella vocina che bisbiglia in sottofondo che mi dice
Il cielo che promette fulmini e tuoni
E poi la vedo
mi dico,no vedrai! Il solito abbaglio e comincio a contare
una
Due
Tre
Quattro
E un battito di cuore in piú
e riconto
e noto che le piantine sono proprio di trifoglio .
Una
due
tre
Quattro.
E un quadrifoglio!!!
Non è perfetto : su una fogliolina c'è un segnetto,ad un'altra manca un pezzettino. Ma è il mio primo quadrifoglio.


e poi ho trovato le foto dei miei bimbi, quelle delle carte di identità
che era una paio di mesi che non trovavo
insomma tanti bei messaggi positivi
una fogliolina per ogni figlio
una fogliolina , per ogni loro vita
fragile e preziosa
sacra e unica
un quadrifoglio tutto mio

venerdì 15 luglio 2011

troppo preziosa

è la saggezza che avanza.
La cosa migliore che si possa fare, è lasciare che sia, ma la nostra cultura occidentale ce lo impedisce.
( io ho cominciato a scrivere , mi aiuta molto. poi rileggo, a volte rido, a volte piango ancora, e spesso non ricordo nemmeno perchè l'ho scritta quella cosa) e poi sto leggendo.
Leggo 3 libri, uno regalato, uno consigliato l'altro per caso.
( mi sembra un rituale - tipo quello della sposa, una cosa nuova, una della nonna, una cosa blu eccecc).
anche questo mi regala moltissimo.
Non che prima non leggessi, ma ora ha un peso diverso, quasi una missione.
LA NECESSITA' di avere un tempo mio, ma non tanto per dire,
MIO SUL SERIO,
e riscoprirmi. perchè, mi sono persa troppe volte e sono troppo preziosa per perdermi ulteriormente.
( questa riflessione mi piace assai....oh yeahhhh)

giovedì 14 luglio 2011

farfalle-vetro-gatti bianchi- e un amabile quadrifoglio dorato (pranzo con l'amica)

Sono in anticipo
Strano
Aspetto all 'ombra del platano
Oggi è decisamente fresco: menomale!
Vado a pranzo con la mia amica
lei mi conforta sempre e cerca di farmi credere al domani
Io mi scoraggio spesso
anche oggi dal medico : mi ha parlato di complicazioni burocratiche legate al mal di schiena
oppure per colpa del pettegolo del mio cliente, con il quale faccio l'oca, che mi dice "mi hanno parlato di lei "
e io mi agito
penso subito male
Scenari catastrofici
Di guerra postatomica
Poi arriva la brezza
la voce di celine dion mi riempie la testa
E aspetto
poi lei arriva, è stupenda
mi porta una borsetta e dentro un mondo stupendo
per me! bellissimo!
andiamo a mangiare
parliamo, ridiamo, e poi diciamo cose serie
cose che ci indignano
che ci feriscono
che ci umiliano
e finiamo sempre la frase con un "loro sono così"
che schifo...
non il pranzo, non lei, non la borsetta che mi ha regalato
quello era tutto perfetto
ma il resto
eppure siamo nel paese del PIACERE
lo dice la Liz Gilbert
il paese dove si dice che si goda del DOLCE FAR NIENTE
e abbiamo creato anche l'ARTE D ARRANGIARSI
e sembra che tutto questo sia solo per l'altra parte, non per te
tu non puoi essere felice e provare piacere
tu hai raccolto la mela nell'Eden
tu sei colpevole
ma ,mi chiedo, quando finirà questa cosa
se siamo noi a sbagliare
o se intorno a noi c'è un'organizzazione tale da impedirti qualsiasi iniziativa
relegandoti a merce di scambio, a schiave legalizzate...
che pensieri , dopo un pranzo con l'amica
ma lei sa di cosa sto parlando
so solo che chi osa, vola in alto
come la Liz , che ha cambiato la sua vita, con grande sofferenza
come il bruco diventa una splendida farfalla

speriamo

mercoledì 13 luglio 2011

eccoli arrivare, i buoni pensieri

finalmente, aggiungo
stamani un tumultuo lavorativo, niente di che, ma quei giusti fatti e pettegolezzi che potrebbero esser capaci di rovinarti non solo la giornata, ma tutto il resto del mese.
invece, una frase qui, una chiacchierata là, un ragionamento lì, una risata di qua
e eccoli arrivare i buoni pensieri
quella sottile linea guida che mi fa pensare quante cose buone so fare
e come le so fare bene
e a come vengono apprezzate
e quindi il passo per avere fiducia in me stessa e nel domani è breve
quasi tremante mi compiaccio di ciò.
emozionarsi e sorridere, e timidamente dirsi "sì, ce la faccio"
è come aprire la finestra alle 5.40 della mattina e vedere una meravigliosa palla arancione e meravigliarti nuovamente di quanto è meraviglioso il mondo
 e la vita
"è ovvio e scontato, troppo banale" direte voi
ma non lo è per me!
riconoscere tutto questo è veramente stupefacente PER ME
e ringrazio, e come una preghiera mi ripeto a mo' di tantra GRAZIE GRAZIE GRAZIE
e il cuor diventa leggero

domenica 10 luglio 2011

una trentina in eppan: leggere 3 libri

una trentina in eppan: leggere 3 libri: "il primo http://messagginbottiglia.wordpress.com/2009/06/04/lorribile-karma-della-formica/ si ride e si ride, lo leggi in momenti facil..."

leggere 3 libri

il primo

http://messagginbottiglia.wordpress.com/2009/06/04/lorribile-karma-della-formica/

si ride e si ride,
lo leggi in momenti facili, veloci, dove non serve troppo silenzio, un libro da spiaggia, insomma

il secondo

http://rizzoli.rcslibri.corriere.it/libro/5305_mangia_prega_ama_gilbert.html

lo leggi quando sei sola, in camera, perchè è un viaggio meraviglioso nel profondo dell'anima

il terzo

http://www.hrdonline.it/inc/newsletters/basta_chiacchiere_tour/

lo leggi per motivare la tua giornata lavorativa , ma non solo, per una come me, simpaticamente geniale e disordinata, per mettere in ordine la scrivania e i propri progetti

giovedì 7 luglio 2011

che meraviglia! La Pioggia


ho appena saputo che una mia amica mi ha letto.
dice che l'ho emozionata, che scrivo bene
Vaglielo a dire alla mia maestra che in me vedeva solo il peggio (pace all'anima sua)
sono contenta di essere letta
penso che questo mi spronerà a scrivere ancora le mie emozioni, i miei pensieri, le considerazioni per fatti vicini e lontani
e ha iniziato a piovere
che meraviglia il rumore della pioggia
il suo profumo
le suggestive immagini che regala la pioggia d'estate
fanno avere quella serenità interiore che scaturisce nel pensiero fiducioso che porta solo buone cose
abbiamo i talenti e è peccato non farli fruttare
andiamo su! non è sbagliato sapere di valere e mettere in pratica ciò che il Buon Dio ci ha donato
senti che bel rumore, la pioggia rinfresca, disseta,
ringrazio per essere qui in questo momento, a scrivere quanto mi sento fortunata
grazie grazie grazie

BASTA CHIACCHIERE

http://www.hrdonline.it/inc/newsletters/basta_chiacchiere_tour/

http://www.hrdonline.it/inc/ne​wsletters/basta_chiacchiere_to​ur/
www.hrdonline.it

mercoledì 6 luglio 2011

A MIRCO GASPAROTTO

Ieri sera ero a Soave, con il mio amico Ivan Polato, tuo collaboratore e estimatore. Mi sei piaciuto: con una semplicità quasi fastidiosa hai detto ALZA IL CULO E AGISCI! e poi hai parlato dei RUOLI. E qui devo ammettere che sono stata colpita. Il mio ruolo di madre di 4 figli, di moglie innamorata( io!lo trovo ancora bello e mi ispira... lui non lo so, forse è abitudine, ci amiamo come fratelli e amici...chissà)e poi c'è il ruolo di donna lavoratrice ( di fare la casalinga , proprio no...non fa per me) nel corso del tempo ho un lavoro che mi piace, ma soprattutto mi lascia tanto tanto tempo per fare tutto il resto. l'unica cosa negativa è il terribile senso di precarietà e sudditanza che sento di mese in mese. Sono un 'agente di commercio senza contratto. Sono arrivata a farlo, dopo mille altre vicissitudini, persino l'amm. delegato di un'azienda, ruolo affidatomi da quello che ritenevo un amico e un maestro., salvo poi volermi sfruttare psicologicamente fino a farmi sentire la cacca del cane del mio vicino. poi ho detto BASTA! Me ne sono andata, portandomi via il mio 1.500.000 € di fatturato. Lavoro per un'azienda in particolare , di cui ho massima stima, che ha triplicato il fatturato da quando collaboro con loro
(quest'anno a maggio aveva già superato quello dell'anno precedente come previsione una crescita del 50%). Il titolare , giovane, ma affidabile, mi piace, se non fosse per quel senso di sudditanza e non di parità in cui mi ha relegato. Non avendo un contratto, può cancellarmi dall'oggi la domani. e io gli ho dato tutti i miei contatti, spogliandomi totalmente. e lui che ha capitale e esperienza, non ha problemi nel farlo. se non di coscienza.gli ho chiesto più volte di regolarizzare la situazione, ma per motivi di beghe con il mio ex-socio e quei maledetti 1000 € all'anno di Enasarco, non vuole, dice "NON NE VALE LA PENA". Tornando a casa, ieri sera, ho capito che questo lavoro mi piace un sacco. Che è così che voglio lavorare, ma che devo trovare un canale diverso, per essere sicura di non perdere il mio ruolo. L'altro mio ruolo è nella mia comunità. Sono Vice presidente di una Associazione ( il presidente è Polato) che gestisce un centro giovani e che promuove cultura nel paesello dove viviamo. Mi manca il lato sportivo, la cura del corpo. Il mio corpo si sta ribellando, con diabete, con il mal di schiena e via dicendo...(forse è propio il caso di trovare al forza di fare AIC.
ma mi preme il lato lavorativo-economico: voglio vivere agiatamente, voglio costruirmi la mia casa( abbiamo un progetto approvato di ampliamento e ristrutturazione della casa dove viviamo che è dei mie suoceri. ad aprlie dopo una breve ma dolorosa malattia mio suocero è venuto a mancare. lasciando i tre figli in sospeso. NESSUNO DI NOI ha capitali da investire. e le banche non ci aiutano. Noi abbiamo solo il potere di restituzione del capitale.MA il tempo non è giusto per le banche per aiutare due piccoli imprenditori ( anche mio marito è imprenditore-DIGITAL SERVICE guarda il sito) a coronare il sogno di una vita lavorativa. ovvero fare una casa degna di una bella famiglia con 4 figli stupendi a cui preparare un buon futuro. Invece ci trasciniamo tra un ennesimo No per la casa, un NO per le ferie, un no per questo e un no per quello. sembra che io sia nata al momento sbagliato. non voglio essere solo quella che si lagna. MA a quanto pare gli altri hanno più facilità a fare ciò che si sono prefissati. ho deciso che qualcosa farò- lo dimostra il fatto che stanotte ho sognato te e la tua conferenza e ho svegliato, sempre in sogno ,mio marito per dirgli qualcosa - Scrivo il mio progetto. mi pongo gli obiettivi e li perseguo. e ringrazio per l'opportunità. e leggo il tuo manuale e cercherò di mettere in pratica. MA spero che la botta di culo che sogno di avere mi dia la convinzione di poterlo fare sul serio. Perchè troppe batoste tolgono all'autostima la potenza necessaria... grazie per avermi letta. Oso chiederti l'amicizia. grazie

venerdì 1 luglio 2011

finale amaro

sarà una rinascita
ma io preferisco il lieto fine, quello romantico
perchè ci spero sempre
invece, oggi ho finito quel libro, e il finale è giusto,la protagonista riparte da se stessa,
ma è amaro
le favole non esistono
ecco
questo è il punto
esser cresciute con l'idea della favola, del "io voglio solo il meglio, io voglio tutto" e essere convinte di riuscirci
invece... è tutto meno bello, più amaro
non che sia soddisfacente
ma non è la favola