lunedì 12 dicembre 2011

AVVENTO, TERZA DOMENICA

Terza domenica

Non sento lo spirito del Natale.

Di solito la terza domenica abbiamo l'albero  e tutta una serie di cose in casa e fuori e soprattutto dentro di noi che ci fa sentire l'Avvento

Ho acceso la terza candela solo ieri sera tardi
quasi forzatamente, sperando che la luce richiamasse la pace, l'armonia, lo spirito giusto.

in effetti , ho dormito profondamente, forse per la falsa speranza di trovare buone notizie oggi, invece un paio di dinieghi virtuali ed eccoci qui a piangere di nuovo su cose assurde

a dire il vero i problemi di lavoro forse li ingigantisco, come spesso mi viene fatto notare, ma la precarietà alla mia età è proprio uno di quegli argomenti che mi fanno perdere la testa.

"alla mia età" .... come se fossi vecchia, ma lo sono per certi versi, reinventarsi ogni giorno è molto stimolante ma avere una base sicura è oltremodo importante per poter avere l'energia necessaria per farlo

io , ragazzi, mi sento svuotata e non so nemmeno se riuscirò a farlo l'albero, non lo so proprio, sia economicamente , sia emotivamente
e non parliamo di regali.... chi ne ha voglia? chi ha idee? chi ? io no...proprio no...

7 commenti:

  1. Mi dispiace sentirti così giù. Per quel poco che ho imparato a conoscerti in queste pagine penso che al più presto ti rialzerai, ma ora lasciati il tempo di stare un pò male. A volte serve anche quello.

    RispondiElimina
  2. il tempo sistema tutto... e solo attraverso certo dolori, poi si apprezzano di più le cose...

    lo so...

    RispondiElimina
  3. Il tempo non sistema nulla... deposita solo uno strato di polvere sulle cose.

    Ad essere precarie siamo in due (è ufficiale da oggi... di nuovo).

    Cerca di stare serena. <3 <3 <3

    RispondiElimina
  4. Erika fallo l'albero, è terapeutico, anche se non lo senti! (parlo per esperienza) e se non ne puoi comprare uno, inventati qualche addobbo!!
    I problemi al lavoro nascono già gonfi, quando c'è precarietà e quando il lavoro costituisce quella base su cui poggiare, però continua a reinventarti ogni giorno, per non invecchiare dentro ;)
    (ps come vedi io mi son ripresa e spargo pure perle di saggezza)
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  5. mi spiace che tu sia triste Erika...non è un periodo facile per noi giovani e ti capisco...fortunatamente ho un lavoro e quindi non mi lamento affatto...ma anch'io mi rendo conto che quest'anno è tutto diverso...me lo fai un sorriso? ^__^

    RispondiElimina
  6. certo..rido sempre
    anche se piango...
    c'è un'amica che un giorno mi disse che nei momenti in cui tutto pare sbagliato e andare male, è il momento giusto in cui prepararsi a stappare lo champagne
    ecco...aspetto quel momento e so che arriverà...
    e sorrido anche ora!

    RispondiElimina
  7. spero che il Natale ti porti un pò di serenità! te la meriti! :*

    RispondiElimina