domenica 26 giugno 2011

LENTAMENTE

lo sto leggendo lentamente
sembra che descriva tutto quello che provo
chissà dove porta
chissà se riuscirò a trovare le risposte
un 'attimo fa guardavo le mie gambe, un tempo erano belle, ora sono dei tronchi, e il sole fa gonfiare le vene
un tempo ero veramente brillante
con un'ottima memoria
ero bella , dentro e fuori
ora sono l'ombra di me stessa
dovrei essere felice : un marito 4 figli vivo in un una bella casa (non mia), un lavoro interessante che mi lascia tanto tempo libero,  dei buoni amici
e in fin dei conti , non mi riconosco più
sia l'immagine dello specchio sia tutto il resto è come se io non ci fossi, se io fossi una spettatrice.
e il libro descrive tutto ciò
un romanzetto che scrive esattamente ciò che vivo io
e qui mi rendo conto che io non sono speciale , nemmeno nel mio profondo
sono una tra tante
e lentamente questo mi fa sorridere
amaramente
lentamente

so che devo trovare una mia dimensione
dove non sono madre, moglie amica, ma SONO IO
SONO IO
lentamente SONO IO
un posto un luogo un pensiero un'azione
dove SONO IO
e basta
il libro inizia in autunno, il tempo del letargo
poi arriva l'inverno dove tutto dorme, la neve copre tutto e pulisce via tutto
dove il superfluo muore e l'essenziale rimane in vita
e lentamente arriva la primavera
il risveglio, la rinascita e la crescita
e arriva, lentamente, l'estate, il tempo della raccolta
della ricchezza, dell'abbondanza
lentamente
lentamente
chissà se arriverò a godere dei frutti
perchè ho l'impressione di non avere molto tempo
tutto corre
e io ho bisogno di tempo
tempo lento
dove muoversi lentamente
e lentamente cogliere tutto
perchè se vai lento , niente è superfluo
e quindi tutto è frutto da raccogliere e mangiare
e devi avere tempo per assaporare tutto
in quanto , trangugiare, senza capire ogni sensazione ch eti regala il sapore, non ha senso
quindi ho bisogno di tempo
lentamente





Nessun commento:

Posta un commento