martedì 1 novembre 2011

a te, che ci guidi da lassù


metti il primo novembre.
metti che è il primo da quando non ci sei tu
metti che ora il tuo corpo riposa al cimitero
metti che non credo che tu sia lì
metti che però c'è questa tradizione
metti che tua madre è venuta a mancare pochi giorni fa e anche lei riposa lì
metti che la temperatura non ricorda il tipico primo novembre, freddo e umido
metti che i fiori, i lumini, le decorazioni sono uno più bello dell'altro
metti che ho tutta questa frustrazione dentro,
metti il malessere
metti il la pensare
metti tutto questo e ancor di più


la vedo e mi meraviglio





e poi mi giro e su una rosa rosa vedo volare una farfalla magnifica





veramente grande e stupenda






























la fotografo e lei vola in modo magnifico e di posa su una rosa gialla di una tomba poco distante







"ecco cosa ricordo di te, cosa mi hai insegnato, cosa ho tenuto per me!
la piccola gioia di meravigliarmi e stupirmi e sapere che ogni cosa è una benedizione "

e ora spero che tutto sto malessere e mal pensare se ne vadano e lascino il posto a un magnifico volo di una farfalla il primo di novembre

2 commenti:

  1. per esperienza il tempo è la migliore delle medicine!

    RispondiElimina
  2. "Quando il guerriero della luce si sente confuso allora focalizza i piccoli particolari che normalmente non vede, così piano egli si rilassa e ritrova il suo equilibrio." P. Coelho
    Un caro saluto Erika

    RispondiElimina