martedì 7 luglio 2015

Kintusgi....ad avercelo l'oro con cui colmare le crepe

Il risveglio è il momento della speranza.
Guardi fuori, il sole sta già scaldando questo luglio torrido.
Ti giri, senti respirare, quasi russare chi ti sta accanto.
Guardi i giornali online, i social, rileggi messaggi. E pensi.
Fa caldo. E' bello il caldo, di solito. E ricordi.
Ricordi estati dove il caldo teneva svegli e si sapeva come passare il tempo. Si sapeva, eccome.....
E poi arrivano estati come questa.
Dove i cocci da raccogliere sono tanti. Alcuni li perdi. Devi tornare indietro, cercarli, altrimenti li puzzle di te stessa non riesce. Rimangono buchi incolmabili. Da dove esce l'essenza di quello che eri.
Ogni giorno ti svegli, ti alzi, ti guardi allo specchio...e gli occhi sono sempre più stanchi e vuoti.
Anche ora, andresti a dormire. Cancelleresti gli ultimi anni, quelli più faticosi, quelli più ingrati, quelli dove ti sei sentita più vuota e sola.
Torneresti indietro. A quell'estate. E scapperesti. Con il vento, che poco sopporti. Ma che forse di avrebbe portato lontano. Lontano e non saresti arrivata qui. Non avresti sviluppato questa sensibilità, questa attenzione, questa finestra aperta dove tutti entrano, dove tutti usano e frugano, dove tutti sono liberi di stracciare la tua anima, schiacciare il tuo cuore, polverizzare i polmoni.
Se il vento ti avesse portato lontano, non lo ameresti, forse, invece di mal sopportarlo, come ora?
Forse saresti stata più furba. Avresti sviluppato un sano egoismo. Forse...
e nonostante siano le 10.30 del mattino, stai crollando dal sonno. Vorresti appoggiare la testa e dormire a lungo. Svegliarti solo dopo. Dopo che tutti i pezzi si sono ripozionati perfertamente.
Vorresti solo sapere usare la tecnica del KINTSUGI
Saresti preziosissima.
Saresti unica.
Invece sei solo una delle tante...
Certo," impossibile da dimenticare, ma difficile da ricordare...."!
Una che può essere usata, tradita, e messa da parte. Tanto lo sanno tutti che barcolli, ma non molli.
Tanto al mattino di un martedì di un caldo luglio, loro dormono. Si svegliano. Escono.
Il loro sguardo nemmeno ti nota. Non notano le domande che ti assillano. Le incertezze che ti tolgono il terreno da sotto i piedi. Non vedono che il tuo respiro è labile, inconsistente, inefficace.
E poi ti alzi, Fa caldo. Un tempo sapevi come occupare il tempo, come iniziare bene la giornata. Era un gioco da fare assieme. Ora il giocattolo è stato usato da altri. E' stato rotto da altri. E tu...ti alzi, ti guardi allo specchio, non ti riconosci, Non riconosci più i tuoi punti cardinali.
Se avessi l'oro necessario lo useresti per richiudere le crepe, ma le tue mani sono vuote.
Come tutto quello che hai fatto e tentato di fare. Sembra che tutte le strade imboccate, tutte le porte che hai aperto, tutte le scelte operate, portino solo e solamente ai mille a più cocci di te stessa.
La tua stessa CONDIZIONE è il risultato di tutto ciò.
E' martedì, di inizio luglio, caldo, caldissimo.
Sudi, ma dentro sei morta.
E aspetti la sera. Forse la sera ti è dato di vedere meglio e raccogliere i cocci di te stessa....




3 commenti:

  1. forza Erica, reagisci!!!!!!!! fai un solo pensiero positivo, in tutto questo marasma, ti aiuterà a vedere le cose da un'altra prospettiva!!! forza forza forza, ti abbraccio Lory

    RispondiElimina
  2. ......... un abbraccio ......

    RispondiElimina