sabato 7 settembre 2013

motivazioni e carica

Oggi c'è stata la conferenza stampa
Le foto di rito, che spero prima o poi di avere e poter condividere.
Un sole caldissimo ci ha cotto, mentre i vari vicesegretari e sindaci e rappresentanti di spicco parlavano.
L'emozione era alta, come la temperatura e il sole. 
E comunque quello che , stasera nella stanchezza che mi fa chiudere gli occhi anche mentre scrivo, è la sobria e forte sensazione di convinzione delle persone che si sono messe in gioco.
Non parlo di quelle "abituate", i cosiddetti vip già noti al pubblico, parlo di quelle persone, come me, che per svariati motivi sono sempre stati attivi nel sociale, nel pubblico, nella scuola e nel volontariato, ma restando nell'ombra.
Fonte Partito Democratico Alto Adige. Foto di gruppo 07.09.2013

Questi ci credono sul serio, di poter portare il proprio contributo, senza pensare di arrivare in alto, ma di fare squadra, di correre tutti insieme per uno scopo preciso, che è il bene comune.
I cardini della campagna elettorale del Partito Democratico Alto Adige  sono fondati sull'idea di un'Alto Adige nuovo, a "MODO NOSTRO" , appunto. Più Lavoro, Plurilinguismo, Sociale e Ambiente. Innovazione e rispetto del territorio, apertura verso l'esterno perchè da soli non si va da nessuna parte. In un territorio baciato dalla fortuna di avere due lingue madri prevalenti, più una terza, il ladino, non valorizzare questo fatto è un peccato capitale, e abbiamo portato le varie sperimentazioni a tal livello che il modello della scuola plurilingue sta piacendo a tutti e noi sappiamo come fare, e come farla funzionare. Il territorio altoatesino deve essere preservato ma capace di reggere il confronto e diventare un vanto per tutti e non un privilegio di pochi, lasciando un futuro alle prossime generazioni. E che dire del Walfare? Lo STATO SOCIALE, come ci viene spiegato da un bravissimo giovane, è ciò che permette di mantenere diritti inalienabili come la scuola la sanità, dove nessuno deve rimanere indietro e soffrire.
Questi sono i principi base in cui io credo.
E ci credono altre 34 persone, disposte a sacrificare il proprio tempo, e metterlo a deposizione di un progetto vero, che porterà cose buone.
Molte sono donne. Donne di età, cultura, nazionalità, esperienza lavorativa diverse, donne con figli, senza figli, con storie uniche ma uguali a tutte le altre donne, che si sono unite e abbracciate per seminare e custodire le piantine di questo progetto politico fino a farle crescere e farle radicare per bene e divenire la rete dove tessere il futuro che ognuno di noi auspica di lasciare alle prossime generazioni
LE DONNE DEL PD ALTO ADIGE. Foto Andrea Scalco
Non dico che sarà una passeggiata, so benissimo che la perfezione sarà lontanta e a lungo.
Ma la carica ricevuta oggi, in particolare, mi stimola a fare tutto il possibile  perchè questo sia veramente possibile

Voi che fate il 27 ottobre? Vi consiglio di andare a votare, e votare i progetti e le idee che possano garantire il miglior futuro possibile per le migliaia di generazione venire, seminando in ogni generazione la consapevolezza che niente ci è dovuto, ma che con il rispetto e con la costanza e con la fiducia si può costruire un mondo migliore. Il partito Democratico punta tutto su questo, e io, modestamente , ne faccio parte.
pensateci



PRIVACY 


Nessun commento:

Posta un commento