lunedì 30 maggio 2011

sentirsi straniera in casa propria

ecco , così mi sono sentita ieri.
niente, nessuna radice, nessun gruppo di appartenenza
come una una bandiera la vento
dio, che malessere
ma che bella la mia bambina, che mi diceva" mamma stai qui con me, e rideva come una matta durante i giochi"
l'unico barlume di gioia vera
il resto era tutta una maschera, tutta una finta
dio che brutto malessere

Nessun commento:

Posta un commento